Cosa Vedere e Cosa Fare a Beirut

Sunset Over Beirut

La capitale del Libano un tempo era conosciuta come la “Parigi del Medio Oriente”. Non sorprende che un conflitto armato civile durato circa 15 anni abbia messo a dura prova il soprannome.

Tuttavia, dagli anni Novanta Beirut ha rapidamente riguadagnato la sua reputazione di città amante del divertimento, tanto che oggi è una delle oasi culturali più apprezzate del Medio Oriente.

Oggi, il centro pullula di un via vai professionisti, grattacieli, boutique e numerosi caffè francesi. Al di fuori di Beirut si trovano le rovine di alcune delle più grandi civiltà antiche del mondo, ottimamente collegate con la capitale in modo da massimizzare il tuo potenziale turistico.

Cosa vedere a Beirut

Beirut è una città dove passato e presente convivono alla perfezione, senza scontrarsi mai, ma esaltandosi a vicenda. Gli ampi viali e viali costruiti dai governanti coloniali francesi si affiancano ai gloriosi complessi di moschee costruiti dagli Ottomani e dai Mamelucchi, e le antiche rovine di templi romani affiancati stabilimenti balneari completano il tutto. Da dove partire per scoprire la capitale libanese?

Distretto centrale di Beirut

Beirut Central District è il nome dato al centro geografico, amministrativo e commerciale della città. Forse più significativamente, è un’area il cui paesaggio urbano la dice lunga sulla storia recente del paese. Gran parte dell’area che circonda Piazza Nejmeh, e la torre dell’orologio degli anni ’30 che si erge al centro, è testimonianza degli sforzi di ricostruzione postbellica della città supervisionati da Solidere, uno dei più grandi progetti di riqualificazione urbana in tutto il mondo. Allontanandoti solo un paio di isolati potrai raggiungere le rovine delle Terme Romane e, per avere la possibilità di assistere alle cicatrici ancora visibili di alcuni dei combattimenti più intensi della guerra civile, dirigiti verso Piazza dei Martiri, ancora in fase di ricostruzione.

Beirut Central District

“Rue Weygand, Beirut Central District, Lebanon. 20111126” by G · RTM is licensed under CC BY-NC-ND 2.0

Campus dell’Università americana di Beirut

A parte il famoso Oxbridge, i campus universitari difficilmente vengono inseriti in un itinerario. Ma qui è diverso. Fondato da missionari americani nel 1860, il campus dell’American University of Beirut si estende su 25 ettari di verde curato su una collina che si affaccia sul Mar Mediterraneo. Una passeggiata attraverso i suoi giardini ti condurrà attraverso molti affascinanti edifici del XIX secolo in un paesaggio che è rimasto straordinariamente intatto durante la guerra civile. Il campus ospita il Museo Archeologico dell’università, un Museo di Storia Naturale e un paio di gallerie d’arte.

Beirut America Campus

“IMG_8105” by trevor.patt is licensed under CC BY-NC-SA 2.0

Museo Nazionale di Beirut

Pesantemente danneggiato durante la guerra civile, il Museo Nazionale di Beirut ha subito più danni di qualsiasi altro edificio. Ora riportato al suo pieno splendore, è ancora una volta sede delle più grandi e significative collezioni di manufatti archeologici del Libano e delle più estese del Medio Oriente. La collezione di 1.300 pezzi, ospitata in un edificio ispirato dal design francese, spazia dalla preistoria fino al periodo romano e bizantino e alla successiva conquista araba. I punti salienti includono sarcofagi fenici finemente intagliati appartenenti alla collezione più importante del mondo.

Beirut National Museum

“Lebanon-136-Beirut National Museum” by René Slaats is licensed under CC BY-NC-SA 2.0

Cosa fare a Beirut

Beirut, la capitale del Libano e la sua città più grande, è un centro ricchissimo di cultura e storia. La città è sopravvissuta alle ingiurie del tempo e della guerra ma, nonostante ciò, offre ancora molto da fare e vedere.

Passeggiare per Hamra Street

Hamra Street, o come è conosciuta localmente, Rue Hamra, è una delle strade e dei centri commerciali più importanti di Beirut. Dagli anni Sessanta agli anni Novanta è stata dimora di intellettuali, giornalisti e artisti che frequentavano una serie di teatri e caffè all’aperto. Oggi porta i segni di un cambiamento di identità, allineato con i punti vendita, gli hotel e le caffetterie occidentali, e attira anche un gran numero di giovani nei suoi bar e club. Una passeggiata attraverso l’ingresso del giardino René Moawad, situato sulla stessa strada, consente di cambiare rapidamente il ritmo della vita quotidiana in questa strada trafficata.

Beirut Hamra Street

“Beirut Hamra Festival 2014” by tmatzak is licensed under CC BY-NC-SA 2.0

Ammirare il tramonto lungo le Corniche

Un cliché di Beirut, ma comunque essenziale, una passeggiata lungo la Corniche al tramonto lascia intravedere la città in tutto il suo splendore. Questa passeggiata sul mare è il posto giusto per avere un vero assaggio della vita di Beirut, dai pescatori in piedi di fronte alle onde sferzanti agli equipaggi di jagal che si pavoneggiano in Lamborghini, fino ai venditori di caffè che battono le loro tazze come nacchere. Continua a seguire il sentiero per il quartiere Raouché e incontrerai le famose rocce dei piccioni, sentinelle della costa di Beirut. In alternativa, prendi una bicicletta a Beirut by Bike e lascia che l’aria fresca del mare ti accarezzi i capelli mentre scivoli lungo la Corniche su due ruote.

Sunset Over Beirut

“Sunset Over Beirut, Lebanon” by Paul Saad is licensed under CC BY-NC-ND 2.0

Fare shopping nei souk

Risorto dalle ceneri della guerra civile, il Souk di Beirut ricostruito nel centro di Downtown è l’epitome dello sviluppo libanese del dopoguerra. Hermès, Louboutin e Vuitton sono solo alcuni dei nomi che fiancheggiano le sacre sale del centro commerciale di Beirut, che ha oltre 5.000 anni di storia. Ma se sei a corto di soldi e sei pronto per il brivido di un mercatino delle pulci, fermati al Souk Al Ahad la domenica. Troverai di tutto, dai DVD agli oggetti d’antiquariato agli animali esotici. Il mercato caotico non è per i deboli di cuore, ma è il posto da visitare per chi non vuole perdere un autentico souk. Un momento più tranquillo può essere trascorso al Monot Street Book Market (il primo sabato di ogni mese) o al Depot-Vente, l’emporio vintage di Mar Mikhael.

Beirut Souks

“Beirut Souks” by rabiem22 is licensed under CC BY 2.0

Quando visitare Beirut

Essendo l’unico paese del Medio Oriente a godere di quattro stagioni, il periodo migliore per visitare il Libano è la primavera. Pertanto, il periodo migliore per visitare Beirut è al di fuori dei caldi mesi estivi. Tra luglio e fine settembre, le temperature possono raggiungere facilmente i 30 gradi. A meno che tu non voglia trascorrere le tue vacanze al mare, è meglio evitare questo periodo dell’anno e visitare Beirut invece in primavera o nel tardo autunno.

Piatti tipici di Beirut

Con il susseguirsi degli imperi, l’avvicendarsi delle guerre e delle migrazioni, il già sofisticato panorama alimentare del Libano si espanse. Un pasto di Beirut potrebbe fondere le tradizioni culinarie di Siria, Palestina, Marocco, Armenia, Turchia in un’unica portata.

Ma la cucina di Beirut non è semplicemente modellata da influenze esterne: antiche ricette locali sono state tramandate di generazione in generazione e di comunità in comunità all’interno del Libano. I piatti hanno attraversato villaggi e città prima di stabilirsi definitivamente nella capitale.

Non puoi sederti a tavola senza provare il kibbeh, piatto nazionale di polpette fritte a base di carne d’agnello, e bulgur. Alla griglia invece le polpette kafta, realizzate con agnello, manzo o pollo, ripiena di cipolla, prezzemolo, pangrattato e spezie.

Fried kibbeh

“Fried kibbeh” by TheHungryDudes is licensed under CC BY 2.0

Un componente importante di molti pasti libanesi è l‘hummus, una salsa o una crema spalmabile a base di ceci, tahini, succo di limone e aglio, tipicamente consumato con la focaccia.

Addolcisci la tua giornata con il kanafeh, una pasta frolla al formaggio zuccherata ricoperta di sciroppo di fiori d’arancio. Formaggio, zucchero e burro sono i migliori amici di questo dolce.

kanafeh

“Kanafeh” by Tracy Hunter is licensed under CC BY 2.0

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.