Cosa vedere a Gerusalemme

Monte del Tempio

Gerusalemme

Gerusalemme è sospesa tra tante civiltà diverse. Innanzitutto, funge da Città Santa per le tre principali religioni occidentali: cristianesimo, ebraismo e islam. Le stradine e i vicoli che compongono il labirinto della Città Vecchia risuonano dei suoni della spiritualità. Le preghiere sussurrate dagli ebrei al Muro del Pianto si mescolano con la chiamata alla preghiera musulmana che risuona dal Monte del Tempio.

Le voci dei quartieri ebraico e musulmano sono poi accompagnate dalle campane melodiche che risuonano dalla Chiesa cristiana del Santo Sepolcro. Per molti visitatori, la voce di una presenza costante dell’Onnipotente diventa improvvisamente molto reale; anche il non credente più irremovibile troverà difficile negare che ci sia qualcosa di mistico a Gerusalemme.

Mentre l’immagine dell’antica Gerusalemme è ciò che la maggior parte dei viaggiatori si aspetta, al di là delle mura storiche della Città Vecchia si trova una vivace metropoli dove gli stili di vita tradizionali si scontrano con gli sviluppi cosmopoliti. Gerusalemme ovest è disseminata di ristoranti e bar alla moda, mentre Gerusalemme est risuona delle grida dei venditori del mercato. Le diverse offerte della città hanno trasformato Gerusalemme da luogo di pellegrinaggio a meta di vacanza a tutto tondo. Quindi, qualunque sia il motivo della tua visita, puoi essere certo che questa è una città che non dimenticherai mai.

Cosa vedere a Gerusalemme

Gerusalemme può essere divisa in tre sezioni: la Città Vecchia, racchiusa in una possente cinta di mura, Gerusalemme Ovest e Gerusalemme Est. All’interno delle mura, troverai le attrazioni più importanti della città, tra cui il Muro Occidentale, la Cupola della Roccia e la Chiesa del Santo Sepolcro. Fuori dalla Città Vecchia, scoprirai la fiorente ma rilassata metropoli di Gerusalemme.

La città vecchia

La Città Vecchia ospita molte delle attrazioni più ambite di Gerusalemme, tra cui il Muro Occidentale, la Chiesa del Santo Sepolcro e il Monte del Tempio. Originariamente costruita dal re David nel 1004 a.C., la città vecchia murata comprende quattro aree distinte: il quartiere ebraico (o Cardo), il quartiere musulmano, il quartiere cristiano e il quartiere armeno. Ogni quartiere emana la sua atmosfera unica, con siti religiosi, negozi e offerte di cibo che riflettono il suo rispettivo patrimonio. Eppure i vicoli tortuosi della Città Vecchia e le antiche piazze di pietra consentono di mescolarsi e mescolarsi tra queste culture, creando un ambiente molto eclettico.

Gerusalemme Città Vecchia

“Gerusalemme: panorama della città vecchia” by Gaspa is licensed under CC BY 2.0

Museo di Israele

Fondato nel 1965, l’Israel Museum è la più grande istituzione culturale del paese e uno dei principali musei di arte e archeologia del mondo. Ospita circa 500.000 manufatti, dalla scultura contemporanea ai manufatti antichi. La maggior parte dei visitatori viene per i leggendari Rotoli del Mar Morto, una raccolta di 972 testi, che si ritiene siano stati scritti tra il 150 e il 70 a.C. I rotoli sono esposti, insieme ad altri testi storici, nel Santuario del Libro, che si trova sottoterra e è coperto da una struttura a cupola bianca.

Monte del Tempio e Cupola della Roccia

Il Monte del Tempio è uno dei luoghi più sacri di Gerusalemme sia per gli ebrei che per i musulmani. Gli ebrei credono che questo sia il luogo di riposo della Presenza Divina sulla terra e la fonte della polvere che Dio ha usato per creare Adamo. La caratteristica più notevole del Monte del Tempio è decisamente musulmana: la Cupola della Roccia. Racchiusa in questa struttura dalla cima dorata c’è la roccia dove Maometto pregò con Gabriele. Si dice anche che sia il luogo esatto della sua ascensione. Dovresti anche fare una visita alla Moschea di Al Aqsa, il terzo luogo più sacro dell’Islam dopo la Mecca e Medina.

Monte del Tempio

“Il Tempio antico di Gerusalemme” by Agenzia Press News is marked with CC0 1.0

Yad Vashem

Situato nel quartiere del Monte Herzl a Gerusalemme Ovest, Yad Vashem contiene la più grande raccolta al mondo di informazioni sull’Olocausto, con diversi musei e memoriali. Il Museo di Storia dell’Olocausto e il Museo d’Arte dell’Olocausto espongono manufatti e opere d’arte che descrivono in dettaglio i tragici eventi. Nel frattempo, i memoriali di Yad Vashem, come la Hall of Names e il Children’s Memorial, commemorano le vittime dell’Olocausto.

Yad Vashem

“Yad Vashem, Holocaust Museum, Jerusalem – Hall of Names_ Noam Chen_ IMOT” by Israel_photo_gallery is licensed under CC BY-ND 2.0

Cosa fare a Gerusalemme

Mentre l’immagine dell’antica Gerusalemme è ciò che la maggior parte dei viaggiatori si aspetta, al di là delle mura storiche della Città Vecchia si trova una vivace metropoli dove gli stili di vita tradizionali si scontrano con gli sviluppi cosmopoliti. Gerusalemme ovest è disseminata di ristoranti e bar alla moda, mentre Gerusalemme est risuona delle grida dei venditori del mercato. Le diverse offerte della città hanno trasformato Gerusalemme da luogo di pellegrinaggio a meta di vacanza a tutto tondo. Quindi, qualunque sia il motivo della tua visita, puoi essere certo che questa è una città che non dimenticherai mai.

Ammirare le vedute dal Monte degli Ulivi

Quest’altura di 818 metri deve il suo nome agli ulivi che un tempo ne ricoprivano le pendici. Situato nella Valle del Kidron, per più di 3000 anni, il Monte degli Ulivi è stato il principale luogo di sepoltura di Gerusalemme e l’ultimo luogo di riposo di importanti personaggi biblici. È possibile accedere al Monte degli Ulivi in qualsiasi momento (sebbene i singoli siti abbiano orari di apertura propri) e l’ingresso non è a pagamento. Da qui puoi godere di scorci unici su Gerusalemme.

Monte Degli Ulivi Gerusalemme

“Gerusalemme: monte degli ulivi” by Gaspa is licensed under CC BY 2.0

Fare compere al Mahane Yehuda

Stretto tra le strade di Agripas e Yafo a Gerusalemme ovest, Mahane Yehuda offre uno scorcio (e un assaggio) della vita autentica nell’Israele moderno. Questo vivace mercato ospita venditori che vendono di tutto, dalle spezie aromatiche ai souvenir. L’atmosfera vivace è densa del profumo dei falafel freschi e del suono di oltre 250 mercanti che mercanteggiano. Mahane Yehuda è aperto dalla domenica mattina al venerdì pomeriggio.

Mahane Yehuda

“Mahane Yehuda market, Jerusalem – Israël” by Emmanuel Dyan is licensed under CC BY 2.0

Esplorare il Mar Morto e Masada

Se hai intenzione di trascorrere diversi giorni o una settimana a Gerusalemme, considera di fare una gita di un giorno al Mar Morto. Situato a sud-est di Gerusalemme, lungo il confine tra Israele e Giordania, il Mar Morto è il punto più basso della superficie terrestre. Viaggiatori recenti descrivono un bagno in queste acque, così salate che nessun organismo vivente può sopravvivere in esse, come ultraterreno; il sale ti fa galleggiare senza sforzo sulla superficie. Molti credono anche che il Mar Morto (e il suo fango) abbia poteri curativi. Sebbene ciò non sia stato dimostrato, sia il fango che l’acqua salata hanno effetti lenitivi sulla pelle.

Mar Morto e Masada

“Israel, Masada – Mar Morto” by Ana Paula Hirama is licensed under CC BY-SA 2.0

Quando visitare Gerusalemme

I periodi migliori per visitare Gerusalemme sono da aprile a maggio e da ottobre a novembre, quando il clima è mite e la folla è scarsa. Tuttavia, assicurati di non accavallare le date del tuo viaggio con le principali celebrazioni ebraiche come gli High Holy DaysSukkot e la Pasqua ebraica.

L’afflusso turistico fa salire i prezzi degli hotel durante queste festività. L’estate è la stagione turistica di punta di Gerusalemme, nonostante le torride temperature diurne. Gli inverni offrono buoni affari sugli hotel, ma il tempo rimane volubile: un giorno può essere soleggiato e abbastanza caldo, mentre il successivo può essere piovoso e freddo.

Piatti tipici di Gerusalemme

Gerusalemme è molto più di una destinazione di viaggio, è un pellegrinaggio per la mente, l’anima, i sensi e lo stomaco.

Nessun viaggio in Terra Santa è completo senza hummus, una salsa a base di pasta di ceci e pasta di semi di sesamo aromatizzata con olio di oliva, aglio, succo di limone e paprica, semi di cumino in polvere e prezzemolo finemente tritato.

Hummus

“Hummus Dip” by ella.o is licensed under CC BY 2.0

Le vetrine delle varie pasticcerie daranno grande spazio al baklava, un dessert ricco di zucchero (o miele) e frutta secca originario dell’odierna Turchia.

Baklava

“Baklava” by insouciance is licensed under CC BY-SA 2.0

Appassionato di pane? Prova il bagel di Gerusalemme: mangialo da solo o immerso in olio d’oliva, hummus, tahini e za’atar. I bagel di Gerusalemme sono quasi sempre ricoperti di semi di sesamo e non vengono mai bolliti come i bagel americani. Sono facili da trovare in tutta la città.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.