Cosa vedere e cosa fare a Chernivtsi

Oggi parliamo di Chernivtsi una città dell’Ucraina poco conosciuta ma che può in realtà regalarvi una bellissima vacanza in questa zona dell’Est Europa. Sicuramente il periodo migliore per visitarla è in estate. Trovandosi nell’entroterra infatti non gode di climi particolarmente favorevoli. Se è vero che tutta l’Ucraina è caratterizzata da inverni particolarmente freddi, le zone vicino al Mar Nero comunque possono godere di climi migliori anche nelle stagioni fredde.

Chernivtsi si trova molto vicino al confine della Romania, dalla quale ha chiaramente avuto diverse influenze culturali.

Si trova nella regione occidentale del Paese, nella Bucovina del Nord, caratterizzata da grandi pianure. La Bucovina infatti è un territorio che viene diviso tra Ucraina e Romania e fa parte della Moldavia. Da molti viene chiamata anche la piccola Vienna, questo per via della sua storia austro-ungarica. Poco conosciuta dai viaggiatori italiani ma davvero famosa in Ucraina. Si tratta di un centro culturale importante e ospita anche un’università molto prestigiosa. Tutto intorno al centro abitato, il quale conta più di 250 mila persone, ci sono foreste e campi.

Cosa vedere a Chernivtsi

Chernivtsi è una città davvero molto bella da visitare. Sono caratteristici gli edifici storici, le piazze e ovviamente le chiese. Tra le altre cose si tratta di una città tranquilla e questo la rende perfetta per una vacanza all’insegna di bei momenti da passare in famiglia. Considerando poi che è ben lontana dall’essere soggetta al turismo di massa, la cosa si fa ancor più interessante. E’ un angolo remoto dell’Est Europa che vi consiglio vivamente di scoprire perché non solo è bella la sua storia e la sua architettura, ma anche il folklore e ovviamente la gastronomia!
Chernivtsi ha sentito molto forte l’influenza dell’Austria. E’ entrata a far parte dell’Impero Austro-Ungarico nel 1849 e li è rimasto per quasi 150 anni. La sua architettura è infatti inconfondibile. Si riconosce l’influenza viennese nelle strade quanto nelle facciate degli edifici.

1. Castello di Khotin

Il castello di Khotin si trova nei dintori di Chernivtsi ed è bellissimo. È ben conservato e butta proprio sul fiume Nister.

2. Chiesa dei Tre Santi

La chiesa dei Tre Santi ha i tetti che sono ancora quelli originali. Sulle tegole colorate vi sono le decorazioni arabesche che riprendono i motivi nazionali. Fa parte del complesso della Casa del Metropolita. Davanti c’è un grande parco e c’è anche una grotta arricchita da tanti differenti tipi di alberi.

3. Università di Chernivtsi

La residenza dei Metropoliti Ortodossi di Bucovina e Dalmazia è un complesso molto elegante e maestoso. È un vero e proprio simbolo architettonico della città. È un mix di arte bizantina, gotica, romana e giudaica. Oggi questa residenza non è altro che la prestigiosa Università di Chernivtsi. Forse una delle architetture più emblematiche della città. Nel 2011 l’UNESCO l’ha dichiarata Patrimonio dell’Umanità. È stata costituita dall’architetto viennese Otto Wagner. Il tempo che hanno impiegato è di 18 anni e i lavori sono iniziati nel 1863. Il progetto invece era dell’architetto Josef Hlavka. All’interno è possibile visitare la Sala di Marmo, così chiamata appunto per le pareti di marmo decorate e il soffitto intagliato in legno. Ci sono poi la Sala Azzurra e la Sala Rossa, ricamate con il legno intagliato.

4. Stazione Ferroviaria

Anche la Stazione Ferroviaria merita di essere vista. È realizzata in stile Barocco. Potete visitarla o comunque godervi la sua parte esteriore.


Foto: SofiLaylaPixabay License

 

5. Palazzo di Giustizia

Il palazzo della giustizia è stato costruito recentemente, solo agli inizi del XX secolo. Anche in questo caso può valere prendere l’occasione di visitarlo.

6. Teatro del Dramma e della Musica

Il Teatro del Dramma e della Musica è il simbolo dell’importanza che riveste la città di Chernivtsi a livello culturale. E’ stato intitolato alla gloria nazionale Olha Kobylanska. Si trova proprio nella Piazza Teatrale, definita tra le altre cose una delle più belle piazze europee.

7. Chiesa ortodossa dello Spirito Santo

La Chiesa Ortodossa dello Spirito Santo di Chernivtsi è stata costruita nel XIX secolo. Per farlo è stato usato un progetto pensato con lo scopo di edificare a San Pietroburgo la Cattedrale di San isacco. Oggi non viene più usata per professare il culto visto che è sconsacrata. Il suo aspetto molto caratteristico però la rende apprezzatissima e il suo interno è perfetto per l’uso previsto oggi, l’organizzazione di vari eventi, in particolar modo i concerti.

8. Museo regionale dell’arte

Il Museo Regionale dell’Arte si trova nel cuore della città in Piazza Centrale. E’ all’interno di un edificio molto lussuoso ed è il rappresentate cittadino dell’Art Nouveau. Proprio sopra il balcone della facciata sono raffigurati dei soggetti mitologici che mettono in paragone l’Impero Romano e l’Impero Austro Ungarico. Vengono raffigurate 12 divinità classiche le quali stanno a rappresentare le altrettante province che compongono il famoso Impero sul Danuio. Belle del Museo sono anche le vetrate colorate così come il mosaico policromo che compone i pavimenti.

Cosa fare a Chernivtsi

Sicuramente non mancano le cose da fare a Chernivtsi. Seppur lontana dal turismo di massa che ha colpito molti altri posti, la sua fama in Europa sta ugualmente crescendo. In molti vanno in questa città dell’Ucraina per i vari eventi che nel corso dell’anno la animano. Dalla fiera di Natale alla fiera di San Piero, fino ad arrivare al Festival del Folklore Malanka e il Giorno del Solstizio d’Estate. C’è anche il Festival Etnico Giovanile Obnova e il Giorno della città di Chernivtsi. Molti di questi eventi interessano il pubblico per le danze tradizionali cosacche e dai culti ucraini.

Cosa mangiare a Chernivtsi

Il piatto tradizionale Ucraino che potete gustarvi anche a Chernivtsi è il Borsch. Si tratta di una zuppa di barbabietola mischiata a carne, insieme alla panna. Sicuramente però se dobbiamo dire qualcosa per cui l’Ucraina è davvero ricordata nell’ambito gastronomico, questo è il pane. Viene infatti utilizzato in tanti contesti, anche quello religioso. In Ucraina già nell’800 c’erano ben 77 modi differenti di panificare. Dovete assolutamente provare durante il vostro viaggio il dolce a base di mandorle ricoperto di miele.

Foto di anteprima: SofiLaylaPixabay License

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.