Cosa vedere a Madrid, i nostri suggerimenti!

Madrid è una città unica al mondo, basta pensare che è la capitale della Spagna e allo stesso tempo uno dei Paesi più visitati ogni anno dai turisti. Si tratta anche della città più popolosa spagnola. È una città continentale quindi meno calda rispetto a quelle costiere ma comunque gode di un buon clima. Le stagioni migliori per visitare Madrid sono l’estate e la primavera.

Ma siamo qui per parlarvi di attrazioni, quindi se avete deciso di andare in Spagna per le vostre prossime vacanze, come prima meta Madrid secondo noi è perfetta perché è semplicemente eccezionale. Vi ricordo anche di scoprire Malaga, Siviglia e altre bellissime città che fanno parte di questa terra.

Cosa vedere a Madrid

Questa come detto precedentemente è la città più popolosa e famosa della Spagna. Qui la movida è veramente all’ordine del giorno. Alcuni tra voi sicuramente troveranno Madrid anche troppo caotica, ma non preoccupatevi di questo. Andarci in vacanza non è come viverci e inoltre Madrid è molto di più del suo essere confusionaria, si tratta di una città estremamente bella Cominciamo adesso con alcune attrazioni locali.

A Madrid non è semplice fare un itinerario, questo per via della grande scelta delle cose da vedere che c’è in città. Se vi piace un po’ tutto allora significa che due o tre giorni non sono affatto sufficienti per la vacanza e dovete prendervi decisamente un po’ di tempo in più da dedicarli.

1. Parco del Buen Retiro

Vediamo subito il Parco del Buen Retiro a Madrid, una vera attrazione che vi consiglio di non perdervi. Risale al 1640, tuttavia ci sono voluti più di 2 secoli per renderlo aperto anche al pubblico. Immersa nel verde è una zona dalla bellezza incredibile. Attualmente il parco è molto frequentato sia dai cittadini quanto dai turisti, il Palazzo di Cristallo al suo interno è l’attrazione numero 1 che suscita sempre grande interesse. Risale al 1887. La costruzione è nata per ospitare specie botaniche delle Isole Filippine.

2. Plaza Mayor

Una bella e gigantesca piazza è sempre bella da vedere, quindi perché non recarsi qui nella Plaza Mayor? Ma non è solo una questione di estetica e spazi grandi, qui c’è passata moltissima della storia di Madrid. Vi basta pensare che in passato era teatro di esecuzioni capitali, zona per le corride, mercato della città etc. La storia ha cambiato molte cose (e certo, c’è da dire per molti aspetti “per fortuna”), oggi infatti è un luogo di ritrovo per i madrileni e i turisti che arrivano un po’ da tutto il mondo.

La Piazza Maggiore misura 100 metri in larghezza e altri 130 circa in lunghezza. Moltissimi edifici sono presenti e la circondano, questo posto è perfetto per passare del tempo, consumare bevande e mangiare qualcosa di tipico a Madrid. Insomma un luogo da non perdere. Specie se camminate sotto i portici alla scoperta dei locali disponibili.

3. Palazzo Reale

Impossibile perdersi il Palazzo Reale di Madrid, infatti anche questo lo dovete includere nel vostro tour. Questo almeno se vi piacciono le costruzioni di enormi dimensioni, di bellissimo aspetto e che ricoprono un ruolo importante nella storia del posto. L’edificio fu costruito nel lontano 1764, esteticamente è una vera perla di Madrid. È immenso, pensate che dispone di 3 mila stanze, per una superficie di oltre 135 mila metri quadrati! La facciata è per molti la parte più bella e coinvolgente, infatti riporta alla mente il Louvre di Parigi. In Europa è questo il palazzo reale più grande presente. Ha moltissime cose interessanti al suo interno, dall’armeria reale fino a reperti della famiglia reale.


Foto: ddzphotoPixabay License

4. Museo del Prado

Se pensate che Madrid non sia una città d’arte allora siete in errore. Questa località è una delle più belle in Europa e note proprio per la movida, la storia e appunto l’arte! Dunque, ecco una metà che non potete lasciarvi sfuggire il Museo del Prado, si tratta di uno dei più celebri e famosi al mondo. Le opere che presenta al suo interno sono moltissime nonché degli artisti più noti nel campo dell’arte. Potete trovare opere di Raffaello, Caravaggio e tantissimi altri. Non mancano anche quelle del noto Diego Velázquez (pittore spagnolo nato a siviglia nel 1599).

5. Puerta del Sol a Madrid

Si conclude l’elenco delle cose da vedere a Madrid con quest’ultima attrazione madrilena. Si parla quindi della bellissima Puerta del Sol. Un’altra grande piazza dove i madrileni si radunano per passare il tempo a fare festa, nel capodanno addirittura diventa il punto di ritrovo numero 1.
Vi sono edifici molto interessanti nonché antichi, come la Real Casa de Correo per esempio. Bellissima inoltre la fontana presente nella piazza in questione. Durante il capodanno la movida raggiunge livelli incredibili a Puerta del Sol. Questa zona è contesa con Plaza Mayor, per chi delle due vince il titolo della migliore piazza. Parere personale, entrambe magnifiche.

Cosa mangiare a Madrid

Per quello che riguarda la cucina, anche Madrid ha molto da offrire. Ci sono piatti da provare che suscitano grande interesse. Vi consiglio di provarli nei ristoranti tipici della città, magari quelli non tipicamente frequentati dai turisti. Bontà e freschezza si incontrano molto spesso e non per caso! Tra i piatti da ricordare eccone alcuni degni di nota. Cocido madrileño (una bomba di calorie e non solo, ricco di verdure, carne e ortaggi come patate, cipolla, rape etc.), bocadillos de calameres, (panini di calamari) sono tipici di Madrid, tuttavia sono comuni anche nella città di Valencia. Non c’è da aggingere altro, pane fresco e morbidissimo con calamari appena fatti. Viene condito tutto con limone e la famosa salsa allioli. Un altro piatto da provare, semplice ma buono, sono i Churros y Chocolate. Pasta fritta squista a appunto consumata assieme alla cioccolata di nocciole.

Foto di anteprima: falcoPixabay License

Cosa vedere e cosa fare a Chernivtsi

Oggi parliamo di Chernivtsi una città dell’Ucraina poco conosciuta ma che può in realtà regalarvi una bellissima vacanza in questa zona dell’Est Europa. Sicuramente il periodo migliore per visitarla è in estate. Trovandosi nell’entroterra infatti non gode di climi particolarmente favorevoli. Se è vero che tutta l’Ucraina è caratterizzata da inverni particolarmente freddi, le zone vicino al Mar Nero comunque possono godere di climi migliori anche nelle stagioni fredde.

Chernivtsi si trova molto vicino al confine della Romania, dalla quale ha chiaramente avuto diverse influenze culturali.

Si trova nella regione occidentale del Paese, nella Bucovina del Nord, caratterizzata da grandi pianure. La Bucovina infatti è un territorio che viene diviso tra Ucraina e Romania e fa parte della Moldavia. Da molti viene chiamata anche la piccola Vienna, questo per via della sua storia austro-ungarica. Poco conosciuta dai viaggiatori italiani ma davvero famosa in Ucraina. Si tratta di un centro culturale importante e ospita anche un’università molto prestigiosa. Tutto intorno al centro abitato, il quale conta più di 250 mila persone, ci sono foreste e campi.

Cosa vedere a Chernivtsi

Chernivtsi è una città davvero molto bella da visitare. Sono caratteristici gli edifici storici, le piazze e ovviamente le chiese. Tra le altre cose si tratta di una città tranquilla e questo la rende perfetta per una vacanza all’insegna di bei momenti da passare in famiglia. Considerando poi che è ben lontana dall’essere soggetta al turismo di massa, la cosa si fa ancor più interessante. E’ un angolo remoto dell’Est Europa che vi consiglio vivamente di scoprire perché non solo è bella la sua storia e la sua architettura, ma anche il folklore e ovviamente la gastronomia!
Chernivtsi ha sentito molto forte l’influenza dell’Austria. E’ entrata a far parte dell’Impero Austro-Ungarico nel 1849 e li è rimasto per quasi 150 anni. La sua architettura è infatti inconfondibile. Si riconosce l’influenza viennese nelle strade quanto nelle facciate degli edifici.

1. Castello di Khotin

Il castello di Khotin si trova nei dintori di Chernivtsi ed è bellissimo. È ben conservato e butta proprio sul fiume Nister.

2. Chiesa dei Tre Santi

La chiesa dei Tre Santi ha i tetti che sono ancora quelli originali. Sulle tegole colorate vi sono le decorazioni arabesche che riprendono i motivi nazionali. Fa parte del complesso della Casa del Metropolita. Davanti c’è un grande parco e c’è anche una grotta arricchita da tanti differenti tipi di alberi.

3. Università di Chernivtsi

La residenza dei Metropoliti Ortodossi di Bucovina e Dalmazia è un complesso molto elegante e maestoso. È un vero e proprio simbolo architettonico della città. È un mix di arte bizantina, gotica, romana e giudaica. Oggi questa residenza non è altro che la prestigiosa Università di Chernivtsi. Forse una delle architetture più emblematiche della città. Nel 2011 l’UNESCO l’ha dichiarata Patrimonio dell’Umanità. È stata costituita dall’architetto viennese Otto Wagner. Il tempo che hanno impiegato è di 18 anni e i lavori sono iniziati nel 1863. Il progetto invece era dell’architetto Josef Hlavka. All’interno è possibile visitare la Sala di Marmo, così chiamata appunto per le pareti di marmo decorate e il soffitto intagliato in legno. Ci sono poi la Sala Azzurra e la Sala Rossa, ricamate con il legno intagliato.

4. Stazione Ferroviaria

Anche la Stazione Ferroviaria merita di essere vista. È realizzata in stile Barocco. Potete visitarla o comunque godervi la sua parte esteriore.


Foto: SofiLaylaPixabay License

 

5. Palazzo di Giustizia

Il palazzo della giustizia è stato costruito recentemente, solo agli inizi del XX secolo. Anche in questo caso può valere prendere l’occasione di visitarlo.

6. Teatro del Dramma e della Musica

Il Teatro del Dramma e della Musica è il simbolo dell’importanza che riveste la città di Chernivtsi a livello culturale. E’ stato intitolato alla gloria nazionale Olha Kobylanska. Si trova proprio nella Piazza Teatrale, definita tra le altre cose una delle più belle piazze europee.

7. Chiesa ortodossa dello Spirito Santo

La Chiesa Ortodossa dello Spirito Santo di Chernivtsi è stata costruita nel XIX secolo. Per farlo è stato usato un progetto pensato con lo scopo di edificare a San Pietroburgo la Cattedrale di San isacco. Oggi non viene più usata per professare il culto visto che è sconsacrata. Il suo aspetto molto caratteristico però la rende apprezzatissima e il suo interno è perfetto per l’uso previsto oggi, l’organizzazione di vari eventi, in particolar modo i concerti.

8. Museo regionale dell’arte

Il Museo Regionale dell’Arte si trova nel cuore della città in Piazza Centrale. E’ all’interno di un edificio molto lussuoso ed è il rappresentate cittadino dell’Art Nouveau. Proprio sopra il balcone della facciata sono raffigurati dei soggetti mitologici che mettono in paragone l’Impero Romano e l’Impero Austro Ungarico. Vengono raffigurate 12 divinità classiche le quali stanno a rappresentare le altrettante province che compongono il famoso Impero sul Danuio. Belle del Museo sono anche le vetrate colorate così come il mosaico policromo che compone i pavimenti.

Cosa fare a Chernivtsi

Sicuramente non mancano le cose da fare a Chernivtsi. Seppur lontana dal turismo di massa che ha colpito molti altri posti, la sua fama in Europa sta ugualmente crescendo. In molti vanno in questa città dell’Ucraina per i vari eventi che nel corso dell’anno la animano. Dalla fiera di Natale alla fiera di San Piero, fino ad arrivare al Festival del Folklore Malanka e il Giorno del Solstizio d’Estate. C’è anche il Festival Etnico Giovanile Obnova e il Giorno della città di Chernivtsi. Molti di questi eventi interessano il pubblico per le danze tradizionali cosacche e dai culti ucraini.

Cosa mangiare a Chernivtsi

Il piatto tradizionale Ucraino che potete gustarvi anche a Chernivtsi è il Borsch. Si tratta di una zuppa di barbabietola mischiata a carne, insieme alla panna. Sicuramente però se dobbiamo dire qualcosa per cui l’Ucraina è davvero ricordata nell’ambito gastronomico, questo è il pane. Viene infatti utilizzato in tanti contesti, anche quello religioso. In Ucraina già nell’800 c’erano ben 77 modi differenti di panificare. Dovete assolutamente provare durante il vostro viaggio il dolce a base di mandorle ricoperto di miele.

Foto di anteprima: SofiLaylaPixabay License

Cosa vedere a Siviglia, i nostri consigli

Definita più volte come “la città spagnola più bella di tutto il Paese”, Siviglia è un posto incredibile da visitare. Non è affatto piccola, pensate che nel 2016 sono stati registrati oltre 690 mila abitanti. Se scegliete Siviglia, sappiate che vi trovate nella capitale dell’Andalusia, ovvero nella parte più a sud di questo splendido Paese.

Innamorarsi di Siviglia è veramente semplice, le sue tradizioni più la cultura di questa terra catturano chiunque. Dalle tapas (molto abbondanti) che potete ordinare, alle attrazioni disponibili c’è l’imbarazzo della scelta. Aggiungete anche la vita notturna e avete completato il quadro perfetto. Una vacanza in Spagna infatti significa vedere città proprio come questa.

Attenzione al caldo torrido! Siviglia in estate è considerata “un forno”, specie dagli abitanti. Se avete già avuto modo di venire in vacanza in Spagna, da soli vi sarete resi conto del caldo che può essere percepito, che è ben più di forte di tante zone d’Italia. Addirittura in tutta Spagna la temperatura da record venne registrata proprio qui, per l’esattezza nel mese di luglio in cui ci furono quasi 47 gradi e mezzo! Insomma, calcolate bene quando partire e quanto stare e cosa più importante se avete animali con voi è bene optare per mesi meno caldi. È inutile sottoporre il cane o il gatto a stress simili. Adesso possiamo cominciare con le cose da vedere a Siviglia.

Cosa vedere a Siviglia

1. Cattedrale de Santa Maria di Siviglia

La Cattedrale de Santa Maria di Siviglia è un luogo di culto di grandissima importanza. Attira parte del turismo che è interessato agli edifici storici e religiosi. Pensate che sono stati impiegati sia lo stile rinascimentale che quello gotico per completare quest’opera. Davanti a voi sorge un edificio antico nonché la cattedrale più grande del Paese. Ricopre una grande area, quasi 127 metri di lunghezza e poco meno di 84 in larghezza. La cattedrale è alta più di 30 metri. Al suo interno presenta ben 5 navate. Ultimata nel lontano 1506, ma quello che vedete oggi è un aspetto ben più moderno di come era precedentemente. Oltre 400 anni di lavori dunque per renderla ciò che è adesso. Presenta anche la Cappella Maggiore e la Cappella Reale. Bellissima come è decorata, vi sono anche molte scene che interessano Cristo.

2. Barrio de San Bartolomè

In una vacanza a Siviglia potete fare un po’ di tutto, quindi dai tour per i monumenti storici, alla degustazione nei ristoranti del posto, allo sfrenato shopping nei negozi della città. Potete anche vedere il Barrio de San Bartolomè, così da trascorrervi qualche ora. Questo è infatti il quartiere più apprezzato di Siviglia per chi ama la tranquillità, ma sopratutto per conoscere l’essenza del posto. È un labirinto di stradine, qui sono presenti tante attrazioni come Plaza de San Francisco e la Chiesa di Santa Maria la Blanca. La cosa più bella del quartiere è sicuramente la differenza degli stili architettonici che lo compongono. Ovvero, barocco, gotico e infine rinascimentale.

3. Movida a Siviglia

Divertimento garantito in città! Le persone infatti sono sempre pronte a far festa. C’è da dire che questo comunque accade un po’ in tutte le città spagnole! Si tratta proprio della mentalità. Qui a Siviglia si respira un’aria caotica un po’ tutto l’anno. Le persone si spostano, ma la movida rimane attiva continuamente. Dovete solo sapere quali zone frequentare. In estate la zona dove transita il fiume è perfetta. Qui vi sono tanti tipi di intrattenimento, discoteche, bar e non solo. Movida al 100% quindi. Mentre in inverno il turismo e gli abitanti sono per lo più attivi nel Barrio Santa Cruz. Non manca la musica dal vivo, andate verso la zona di Triana e vi accorgerete da soli da quanto sia magica.

4. La Giralda di Siviglia

Torniamo alla Cattedrale di Siviglia, ma questa volta concentriamoci pure sul suo campanile. Questo prende il nome di Giralda ed è il simbolo della città. 96 metri di torre che non passano di certo inosservati. Dunque, se desiderate vedere un punto di forza di Siviglia e allo stesso tempo godere di un bel panorama sull’abitato, allora siete nel posto giusto. Entrando nella cattedrale e una volta che avete visto come si presenta all’interno, potete decidere di salire arrivando così alla torre. Non ha prezzo rimanere qui a scattare qualche foto. Domanda, perché si chiama Giralda? Pare che il nome deriva dalla statua posta sulla torre, questa è nota come Giraldillo. Si trova proprio sulla punta e gira in direzione del vento.

5. Casa di Pilato a Siviglia

La Casa di Pilato a Siviglia riprende lo stile rinascimentale (del secolo XV) ed è una tappa importante sivigliese. Fu Don Fadrique a chiedere la sua costruzione. Vi sono anche molti tratti di uno stile che prende il nome di Mudéjar. Il palazzo è antico, risale infatti al secolo XV. Per entrare è necessario passare dal bellissimo portale in marmo, questo rinascimentale. Ottime le statue che ritraggono imperatori romani, più il giardino e le sue decorazioni fanno dell’edificio un’opera magnifica che attira un gran numero di turisti ogni anno.

Cosa mangiare a Siviglia

Terra spagnola, per cui piatti nuovi da assaporare e consigliare a chi visiterà la città dopo di noi. La cucina di Siviglia è composta prevalentemente da pesce fresco. Ovvio che anche i piatti di terra sono presenti e anche molto buoni. Ogni ricetta che prevede pesce fritto la potete provare in quanto specialità sivigliana. Ma anche per la carne la frittura viene tanto adoperata. Vi basta pensare all’agnello fritto. Non è tutto, moltissime tapas nascono proprio qui e con pochi euro potete mangiare tanti piattini sfiziosi. Dunque, avete veramente l’imbarazzo della scelta. Non dimenticate di provare qualche bevanda locale e rinfrescate. La migliore da gustare e rigorosamente spagnola? Semplicissimo la sangria!

Foto di anteprima: taniadimasPixabay License

Cosa vedere a Odessa in Ucraina

In questo articolo parliamo di Odessa, una incantevole città Ucraina dove vi sono tantissime attrazioni da scoprire. Ovviamente non manca la storia, così come la buona cucina e molto altro ancora. Ricordo che in quanto città portuale è possibile visitarla in estate per sfruttarla a pieno. Odessa però si trova sul Mar Nero ad a differenza di tante altre città ucraine, gode di un clima senza dubbio più mite (se paragonato al nostro però resta sempre molto freddo). Questo vi permette di poter visitare la città non esclusivamente in alta stagione.

Cosa vedere a Odessa

Ecco un piccolo elenco di cose da vedere in questa città, chi tra voi non ha avuto ancora il piacere di visitare Odessa può dunque leggere quanto segue. Potete organizzare un tour in questa bellissima città portuale in Ucraina. Potremmo descrivere Odessa dicendo che è una città ospitale, la cui tradizione gastronomica è assolutamente perfetta! Ma non è tutto, qui potete trovare bellissime spiagge e tanti edifici incredibili, l’architettura infatti è un altro asso nella manica della città.

1. Spiaggia Lanzheron

Potete vedere molte cose belle in questa città ucraina e uno dei primi punti d’interesse da non lasciarvi sfuggire è la spiaggia Lanzheron. Un bel posto dove godervi il mare e il sole a Odessa, infatti gran parte dei cittadini si recano qui durante il periodo estivo. Vicinissima alla città, la spiaggia a sabbia chiara e fine. L’acqua può essere invasa da alghe, ma rimane pur sempre un ottimo luogo dove immergersi e nuotare. Molte sono le famiglie che puntualmente si recano qui in estate, per questo vi conviene considerare bene i tempi se desiderate trovare un posto comodo per sostare. Attraverso il parco Taras Shevchenko potete giungere in questa perla di Odessa. Il panorama è invitante, specie se vi orientate in direzione Crimea (la penisola vicina).

Chiaramente non dimenticatevi che Odessa si trova sul Mar Nero. Non è infatti l’unica spiaggia che vale la pena di visitare. Anzi, io vi suggerisco di dedicare un po’ di tempo al litorale, dove tra le altre cose potete trovare tanti ristorantini e la sera potete immergervi nella vita notturna locale, tra discoteche e tante altre attrazioni che saranno per voi di sicuro interesse.

2. Museo Archeologico di Odessa

Un po’ di cultura ci vuole mentre si è in vacanza, così per conoscere alcuni aspetti storici del posto e anche della storia! Ecco perché potete inserire nel vostro itinerario una visita al Museo Archeologico della città, si tratta di un edificio di ottimo aspetto che risale al secolo XVIII.
La collezione presente al suo interno propone moltissime opere, queste attinenti a varie epoche della storia. Il medioevo per esempio è ottimo, così come altre esposizioni. Pensate che della mostra fanno parte anche reperti risalenti all’età della pietra. Appassionati dell’antico Egitto? Bene, anche in questo caso troverete cose interessantissime. Dunque il Museo Archeologico è posto molto consigliato e quindi da visitare in una vacanza a Odessa.

3. La scalinata Potëmkin

Attrazioni locali di grande interesse sono presenti in città, tra queste la scalinata Potëmkin (in origine scalinata Primorski) è assolutamente da vedere. Il progetto è risalente al 1815 ed è un’opera rimasta alla storia per gli abitanti di Odessa. Risulta infatti una tappa per molti turisti ogni anno. Grande, bella e con un effetto ottico curioso. Misura 142 metri in lunghezza e 27 in altezza. Tuttavia per gli occhi appare più grande! Ma perché è tanto famosa? La gigantesca scalinata è nota per essere stata ripresa nel film “La corazzata Potëmkin”.

4. Teatro Nazionale di Odessa

Questo è il Teatro nazionale accademico dell’opera e del balletto, un’altra grande attrazione cittadina. Qui a Odessa non troverete un teatro più datato di questo! È molto famoso, proprio come per la scalinata di cui abbiamo parlato prima. La data della sua inaugurazione ci porta al 1810, tuttavia venne ricostruito in seguito a un grande incendio. Qualora vi interessi questo genere di intrattenimenti, allora dovete assolutamente recarvi in questa attrazione di Odessa.

5. Le Catacombe

Fascino e mistero, ecco cosa potete trovare a Odessa se decidete di visitare le Catacombe! Sono una delle prime attrazioni da non perdere per nulla al mondo. Km di città sotterranea vi aspettano, ovviamente è necessaria una visita guidata non è permesso altrimenti l’ingresso. Questioni di sicurezza, le persone altrimenti si possono perdere con estrema facilità.

Gastronomia di Odessa, ecco cosa mangiare

Partiamo dal presupposto che la città in questione è nota con il nome di “la perla del Mar Nero”. Nome che in realtà lo deve condividere con Varna, terza città della Bulgaria. Ma non è solo bella da vedere è anche ottima per provare nuovi sapori! In fin dei conti la cucina dell’Ucraina è davvero buonissima e ricca.

Tanti sono i ristoranti che propongono specialità locali da capogiro. Il pesce e i frutti di mare per esempio sono squisiti. Questo vale anche per altri prodotti ovviamente. Ricordo che sempre a Odessa sono presenti anche i piatti kosher, questo grazie alla presenza di molti ebrei che mantengono la loro tradizione culinaria. Per quanto riguarda le tradizionali strettamente locali invece c’è molto da provare in ambito alimentare. Attenzione, la maggior parte dei piatti abbondano di spezie! Inoltre sono spesso piatti ipercalorici, per cui la linea può risentirne così come se soffrite di sindrome del colon irritabile alcune specialità potrebbero non essere indicate! Formaggi, verdure, funghi e carne sono all’ordine del giorno a Odessa. L’Ucraina poi è famosa per la sua lunga tradizione del pane, ne potete assaggiare oltre 70 varietà, una più buona dell’altra.

Dunque, potete partire per Odessa e provare moltissimi piatti locali, fare il bagno in spiagge veramente belle, conoscere la storia del posto e l’architettura. Per non parlare appunto delle catacombe o di altre attrazioni che spingono ogni anno il turismo a venire proprio qui.

Foto di anteprima: RusnetPixabay License