Lienz, tutto quello che devi sapere di questa città dell’ Austria

Lienz Australia

Foto di SehLax – Own work, CC BY-SA 3.0 – Link alla foto: clicca qui

Sicuramente se pensate di organizzare una vacanza Austria non è la voglia di vedere Lienz a spingervi.

Non perché è brutta, tutt’altro. Semplicemente perché è meno conosciuta e il turismo di massa non la raggiunge. Scoprirete però grazie a questo articolo che sono davvero tante le cose belle da vedere e può davvero valere la pena di spostarvi per 400 chilometri da Vienna o 200 km da Salisburgo per vederla.

Lienz è un comune dell’Austria nel Tirolo. E ne è centro maggiore con i suoi soli 12 mila abitanti e qualcosa. Si trova nella parte orientale del Tirolo e sorge ai piedi delle bellissime e affascinanti Dolomiti di Lienz, dove la punta più elevata raggiunge i 2.772 sopra il livello del mare. Si trova proprio nella Val Pusteria, capite bene come lo spettacolo che offre Lienz a livello naturalistico è sconfinato. La valle appartiene alle Alpi Orientali ed è lunga circa 100 km.

Ma perché andare a vedere Lienz, cosa può spingervi a includere questo posto tra le tappe del viaggio? Lo scoprite nel corso di questo articolo!

Cosa vedere a Lienz

Centro storico di Lienz

Trovo sempre incredibilmente affascinanti i centri storici. Passeggiando per le loro strade infatti è possibile immergersi veramente nella cultura di un posto. Il centro di Lienz è a tutti gli effetti quello che vi aspettereste da un paesino di montagna austriaco. Tutto è in ordine, le aiuole sono curate, i fiori alle finestre non mancano. Trovate numerosi bar dove fermarvi a bere e mangiare qualcosa.

Convento francescano

Da alcuni punti del centro storico potete notare un campanile a punta. Bene, si tratta proprio di lui, il convento francescano! Fu costruito nel XIV secolo ed era di appartenenza ai carmelitani. Alla fine del XVIII secolo arrivano i francescani che in un primo momento si sono spartiti il convento con i carmelitani, anche perché si tratta di un complesso di edifici. Possiede una chiesa consacrata a San Michele e un chiostro edificato nel XVIII secolo. Nel 1972 è stata aggiunta una grotta in onore a Nostra Signora di Lourdes. C’è poi un centro di aggregazione e una biblioteca.

Castello di Bruck

Schloss Bruck

Foto di Muck50 – Own work, CC BY-SA 4.0 – Link alla foto: clicca qui

Da visitare assolutamente. Per raggiungerlo dovete alzare gli occhi al cielo e salire in cima alla collina che fa da padrona al centro cittadino. Valutate bene le tempistiche chiaramente perché arrivarci richiede comunque un po’ di tempo considerando che si trova a 720 metri sul livello del mare. Il castello di Bruck è stato costruito nel XIII secolo per volere dei conti di Gorizia che desideravano qui una residenza. Il nome del castello deriva chiaramente dal vicino ponte che porta fino al monte Hochstein. Quando siete arrivati al castello e raggiungete la torre, potete godere di un incredibile vista su l’intera vallata. Da vedere anche la sua cappella della Santissima Trinità, affrescata un modo eccellente. Il castello è passato di mano in mano ed è stato usato sempre per scopi diversi. Da residenza di famiglie nobili a deposito d’armi, fino a diventare poi ospedale militare, caserma e anche una fabbrica dove producevano birra. Oggi è un museo civico cittadino.

Municipio di Lienz

Il municipio cittadino si trova nel’ex castello Schloss Liebburg. Fu eretto nel XVII secolo e insieme a lui anche le torri che hanno la caratteristica copertura a bulbo. L’edificio fu fatto realizzare dai conti Wolkenstein-Rodenegg che risiedevano nel Castel Bruck ma, considerando che risultava freddo viverci, in una zona centrale della città fecero costruire questo palazzo. I castelli passarono poi entrambi ai principi tirolesi. Anche questo castello dopo aver svolto diverse funzioni divenne proprietà nel 1988 del comune di Lienz e fu adibito a municipio. Il castello bruciò ben due volte, nel 1609 e nel 1723. Dopo il primo incendio vennero realizzate anche le due torri laterali e dopo il secondo incendio invece iniziarono a fare annualmente una processione per San Floriano.

Clima a Lienz

Il periodo migliore per andare va da giugno a settembre. Non solo perché le temperature sono buone ma anche perché in questo periodo dell’anno l’intero centro storico è riservato ai pedoni. Niente automobili quindi, aria decisamente più pulita e più tranquillità nel visitarlo.

Le temperature massime estive sono di 25 gradi quelle minime intorno ai 12 grad. A settembre le temperature scendono un po’ per calare poi tra i 15 e i 4 gradi a ottobre. Il periodo più freddo va da novembre a febbraio con delle minime a dicembre e gennaio di -8°C. Se non vi piace il freddo allora non è il periodo ideale ma sappiate che a Lienz ci sono due importanti stazioni sciistiche e ospitano diverse competizioni. Quella di Hochstein ha anche accolto delle tappe della Coppa del Mondo di sci alpino.

Sempre parlando di sport, qui a Lienz è molto diffuso il parapendio.

Come arrivarci

Se avete deciso di arrivare a Lienz potete muovervi dalle principali città austriache in treno. Si tratta di una delle città austriache più vicine all’Italia e infatti potere raggiungere Lienz in treno, partendo da Bolzano sulla tratta Bressanone-Sillan ma anche con i vari treni che partono da molte città italiane come Bologna, Venezia, Verona.

Cosa mangiare a Lienz

Food Austria

Parlando di gastronomia austriaca sono tante le cose da mangiare. Anche perché ha subito l’influenza di così tante culture che promette sicuramente a tutti di trovare qualcosa adatto al proprio palato. Se scegliete di passare poco tempo in Austria e a Lienz, allora dovete anche decidere cosa assaggiare e cosa no, probabilmente non avrete tempo di provare tutto. Solo tra le zuppe infatti ci sono sei piatti tipici, di cui due sono i Nudelsuppe, una pasta in brodo e la Rindsuppe, zuppa a base di carote, sedano, cipolle, manzo, prezzemolo.

Tra i secondi piatti da assaggiare c’è il Schweinebraten, un arrosto di maiale ben condito con l’aglio e il cumino. Altrimenti un altro piatto tipico della gastronomia locale è il Tafelspitz, cioè il bollito di carne di manzo servito poi con il brodo e tante verdure. Come dimenticare poi il Goulash, lo spezzatino di carne speziatissimo, con tanta paprika!

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.