canali Amsterdam

Un fine settimana ad Amsterdam

Amsterdam

Amsterdam

Foto CC BY SA di Jorge Royan

Non è detto che per fare vacanza e per viaggiare servano per forza le sante benedette ferie. In una fine settimana si può visitare una delle tante belle ed affascinanti città che l’Europa ci regala. Amsterdam ad esempio è una destinazione che ben si presta per i viaggi brevi, per i week end. L’imporante è impiegare bene il tempo che si ha a disposizione ed ecco che in 24 ore si può assaporare il meglio che questa meravigliosa città ha da offrire. L’essenza di Amsterdam: i suoi canali, i suoi quartieri, i suoi fiori, le sue case, i suoi musei, le caffetterie, i suoi ristorantini. Ecco allora un itinerario (con alternativa) per due giorni ad Amsterdam. Settembre ben si presta per questo tipo di vacanza: il clima mite e fresco che permette di girare di giorno e uscire la sera e la poca folla di certo contribuiranno a rendere indimenticabile il vostro fine settimana.

Primo giorno

Mattina

Non si può andare ad Amsterdam senza visitare i musei. Sarebbe un peccato. Dunque il nostro fine settimana comincia con una bella visita al Museumplein, nel cuore culturale della città. Con una bella giornata si può attraversare il Spiegelkwartier (Nieuwe Spiegelstraat e Spiegelgracht), il quartiere dell’ antiquariato di Amsterdam, si possono ammirare le glorie dell’età dell’oro nel Rijksmuseum e il Van Gogh Museum (vangoghmuseum.nl), che custodisce la più grande raccolta di tutto il mondo di opere del pittore.

Pranzo

Dopo una panciata di musei ci vuole una bella panciata di cibo. Da Maxime (PC Hooftstraat 63; maximeamsterdam.nl) si possono mangiare zuppe, piatti in stile brasserie e insalate a partire da € 6,50, un menu di tre portate costa € 35, Maxime ha il vanto di trovarsi sulla via dello shopping più chic di Amsterdam.

Pomeriggio

Nel pomeriggio si può passeggiare nelle “De Negen Straatjes” che attraversano i canali più grandi di Amsterdam, e che sono fiancheggiate da boutique, negozi eccentrici ed accoglienti caffetterie.

Sera

Si può iniziare la serata con un drink al Hoppe un locale tradizionale, poi si può proseguire per Blauw aan de Wal ( Oudezijds Achterburgwal 99; blauwaandewal.com, menu di tre portate € 62,50), un paradiso della cucina e dopo cena ci sono due opzioni (a seconda del tipo di vacanza che si cerca): si può passeggiare fra la turbolenza di cattivo gusto (ma innocua) del quartiere a luci rosse, oppure si può optare per una passeggiata fino alla vicina caffetteria De Jaren (Nieuwe Doelenstraat 20-22; cafedejaren.nl).

canali Amsterdam

canali Amsterdam

Foto CC BY SA di Massimo Catarinella

2° giorno

Mattina

La mattina comincia presto con una vista all’ Hermitage di Amsterdam (Amstel 51; hermitage.nl). A seguire si può fare una breve camminata fino al Scheepvaartmuseum (Museo Marittimo, Kattenburgplein 1; hetscheepvaartmuseum.nl). L’ex magazzino dell’Ammiragliato del 17 ° secolo ospita una magnifica collezione di oggetti: mappe e globi, dipinti e trasporto armamentario dell’ illustre passato olandese come nazione marinara.

Pranzo

Nella Stazione ferroviaria principale di una città non ci si aspetta certo di trovare un suggestivo ristorante, ma Grand Café Restaurant 1e Klas (Piattaforma 2b, la stazione centrale, 0031 20 625 0131; restaurant1eklas.nl, pasti leggeri circa € 10) si trova proprio alla stazione centrale ed è eccellente .

Pomeriggio

Nel pomeriggio si può fare una passeggiata dalla Rembrandtplein lungo la Utrechtsestraat, una delle vie dello shopping più alla moda della città, con boutique di moda e negozi di gastronomia di fascia alta, con negozi di prodotti per la casa di design e una bella libreria indipendente.

Poco più avanti c’è il mercato giornaliero di Amsterdam, l’Albert Cuyp Markt, che si estende per circa un chilometro attraverso De Pijp, pieno zeppo di interessanti ristoranti e caffetterie.

Sera

Lungo il canale principale accanto al Westerkerk, decorato in stile contemporaneo olandese, c’è Werck (Prinsengracht 277, 0031 20 627 4079;  tre portate del menu € 33) una vibrante nuova aggiunta alla scena culinaria di Amsterdam. Dopo le 11 durante i fine settimana, si balla.

In alternativa:

Mattina

Colazione a Letting nella “cintura” dei canali, subito dopo l’orario di apertura, per una tradizionale colazione olandese (uova, toast, formaggio e, qui, anche arrosto di manzo). Poi si può fare una passeggiata fino alla grande Keizersgracht, svoltando a destra lungo il Brouwersgracht, il canale più fotografato di Amsterdam, verso la stazione centrale.

Si può fare una crociera di un’ora sul canale in una barca con ripiano in vetro, da uno degli ormeggi di fronte alla Stazione Centrale . E ‘un modo rapido per ammirare il posto che dà la possibilità di vedere Amsterdam che prende vita.

Si può poi passeggiare lungo la Damrak, costeggiando l’antica Oude Kerk attraverso un angolo del quartiere a luci rosse di Ons ‘Lieve Heer op Solder, una casa del 17 ° secolo restaurata direttamente sul canale.

Pranzo

Si può attraversare Nieuwmarkt, poi percorrere Kloveniersburgwal per un pranzo in riva Bord’Eau. Il Tocco leggero dello chef Richard van Oostenbrugge è perfetto per un pasto e c’è un pranzo ottimo rapporto qualità-prezzo.

Pomeriggio

Dirigetendosi verso la torre dell’orologio del 17 ° secolo dall’altra parte della strada da Bord’Eau, e oltre le rive si possono ammirare i colori nel mercato dei fiori. Poi si può fare fare una passeggiata lungo il canale Herengracht, e un tuffo nell’arte e nell’ antiquariato nel quartiere Spiegelkwartier.

Il Rijksmuseum è un altro posto da visitare dopo una visita ai negozi di antiquariato.

La caffetteria Rijksmuseum è un bel posto per fare una pausa mangiando una fetta di dolce fata in casa accompagnata da un buon caffè. Il tutto prima di fare una bella passeggiata lungo Stadhouderskade, nel quartiere alla moda di De Pijp.

Serata

Dopo una rinfrescata in hotel una bella puntata al Ricardo a Odeon per la cena, nella cantina con travi di un palazzo sul canale del 17 ° secolo.

Si può poi chiamare un taxi o attraversare i canali nel quartiere Jordaan. Si può passeggiare in una delle tante stradine affollate del quartiere, per un drink al bar De Tuin.

Non dimenticate scarpe comode e la macchina fotografica. Buon fine settimana!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.