Santorini: bianco e azzurro

Santorini, Grecia

Santorini, Grecia

Foto CC BY-SA di Simm

Un’isola a forma di mezzaluna “disegnata£ da una violenta eruzione. Si chiama Santornini ed è una meta tra le più ambite quando si parla di Grecia.

La sua acque azzurre, le scogliere di lava a picco le rocce variopinte, le case bianche ed azzurre.

Santorini è una perla del Mediterraneo, un’isola dove il tempo pare essersi fermato e pare essere scandito dal ritmo del Sirtaki, un’isola perfetta per trascorrere le proprie vacanze immersi in un luogo rilassante.

Come muoversi a Santornini

Dall’aeroporto di Santorini (dista 7 km dalla città ed è sito nei pressi della costa orientale), gli autobus KTEL offrono servizio regolare di navetta che parte dalla stazione principale degli autobus di Fira. Tutti i traghetti e catamarani attraccano al porto di Athinios, ad 11 km dalla città.

Gli autobus sono perfetti ed economici per percorrere i percorsi principali, come Firá-Oía o Firá-Kamári. Noleggiare un auto è una buona idea ma occorre fare attenzione alle strade strette ed alle norme di guida locali, piuttosto rigorose.

Tra le curiosità di questa isola vulcanica ci sono le strane spiagge di sabbia nera della costa orientale, le scale che sscendono a zig-zag fino ai porticcioli sotto Oía e Firá, le vedute ipnotiche sulla caldera.

Santorini

Santorini

Foto CC BY-SA di Gunter Erlebach

Ecco cosa non perdersi a Santorini

I musei Firá

Il Museo di Prehistoric Thera sorge nei pressi della cattedrale ed è in gran parte dedicato all’insediamento minoico ad Akrotiri.

Il Museo Archeologico di Ypapandís Street (Ma-Do 09:00-16:00), custodisce reperti dell’antica Thera e ci sono alcune belle ceramiche classiche arcaiche.

Nelle vicinanze, il Megaro Gyzi (maggio-ottobre lun-sab 10:00-04:00, 3 €) è all’interno dell’ex arcivescovado cattolico e detiene un’affascinante collezione di stampe antiche.

Nelle vicinanze, la cattedrale cattolica di Agios Ioannis Pródromos (aperta per la maggior parte del giorno) merita uno sguardo soprattutto all’interno.

Il Lignos Folklore Museum di Kondohóri (tutti i giorni 10:00-2:00 e 4 08:00; € 3) riproduce completamente una casa-grotta del 19 ° secolo.

Le spiagge

Tra le spiagge dell’isola, quasi tutte con la sabbia vulcanica grigio scuro, Kamári è la più curata.
Notevoli sono anche Baxedes, l’unica vera spiaggia vicino a Oia e la paesaggistica Kokkini Ámmos, una baia nei pressi dell’antico sito minoico di Akrotiri, con la sabbia di colore rosso-viola.

Vineria tour

Santoríni è stato designato un COA domaine, e la vinificazione è l’unico commercio tradizionale che è ancora in ottima salute. Per pochi euro (o talvolta anche gratuitamente), vengono organizzati tour enologici. Boutari, vicino Megalohori (00 30 22860 81011; boutari.gr) è il più grande e il più visitato.

Tra le vinerie citiamo Canava Roussos sita in Episkopí Gonias (canavaroussos.gr; maggio-ottobre), la più antica dell’isola, e Domaine Sigalas a Baxedes vicino a Oia (domaine-sigalas.com; aprile-novembre), con prodotti costosi ma di qualità superiore.

Ktima Argyrou (estate-argyros.com), produce un ottimo rosso, il Mavrotragano e il caratteristico Aidani bianco; Nelle vicinanze ci piace soprattutto Art Space (Apr-11-tramonto, artspace-santorini.com), dove le vecchie kánaves (cantine) sono state trasformate in una grande galleria d’arte delle Cicladi.

i mulini di Santorini

i mulini di Santorini

Foto CC BY-SA di SimoneVob

Santorini a piedi

Ci sono due percorsi spettacolari per le escursioni a Santorini: da Imerovigli a Oia c’è un sentiero che sfiora il bordo caldera (il percordo dura circa 2 ore), e da Perissa per Kamári c’è un percorso collinare che consente di ammirare le rovine di Thera classico-romana e la grotta di Zoodohos Piyi.

La cucina
Santorini è nota per la sua cucina e per la cortesia, Ecco alcuni ristoranti da provare.
Selene

Il ristorante si trova al piano superiore ed è gestito da un team di chef. Il piano terra “Café-Winebar-gastronomia”, offre ampie vedute a sud-ovest. Tra i piatti citiamo l’ insalata “locale” con formaggio, calamari saltati con verdure, insalata di melanzane con carpaccio di polpo, mousse al cioccolato cosparso di salsa al geranio o cappuccino budino.

Indirizzo: villaggio di Pyrgos
Contatto: 00 30 22860 22249; selene.gr
Tipo di pagamento: carta di credito o contanti

Psaraki Vlyhada

Molto probabilmente il miglior ristorante di pesce a Santorini, con vista sul principale porto di pesca.

Indirizzo: Vlyhada lungomare
Contatto: 00 30 22860 82783
Orari di apertura: tutti i giorni da aprile a ottobre
Tipo di pagamento: contanti o carte di credito
Anogi
Qui si servono ricette creative greche come bifteki. La lista dei vini evidenzia comprende specialità provenienti da tutta la Grecia.

Indirizzo: Imerovigli, piazza centrale
Contatto: 00 30 22860 21285
Prenotazione: consigliata
Tipo di pagamento: carte di credito accettate

Aktaion
Fondata nel 1922 e, quindi, una delle taverne più antichi dell’isola, Aktaion è oggi gestita dalla terza generazione della famiglia fondatrice Roussos. Oltre insalate e carne, si servono torta di zucchine con pancetta e formaggio e melanzane grigliate.

Indirizzo: lungolago Firostefani, accanto alla grande chiesa; ci sono punti di vista sulla caldera dai pochi tavoli fuori sul lato opposto della corsia, anche se non sono utilizzabili in caso di vento
Contatto: 00 30 22860 22336; aktaionsantorini.com
Prenotazione: consigliata in alta stagione.

Tipo di pagamento: solo contanti

Metaxy Mas

Il titolare proviene da Hania, quindi c’è un tocco prevedibile cretese al menu ma ci sono anche piatti locali come Fava e melanzane o asparagi al forno con formaggio e dragoncello.

Indirizzo: Exo Gonia, 100m giù scale-lane dalla chiesa superiore
Contatto: 00 30 22860 31323; santorini-metaximas.gr
Orari di apertura: 01:00 fino a tardi, per tutto l’anno
Tipo di pagamento: contanti o carte di credito

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.