Le ville di Roma

Per chi desidera fare un tour virtuale di tutte le più belle ville di Roma, questo è il posto giusto. Che si tratti della location per un matrimonio, per un servizio fotografico o anche, semplicemente, la meta di una passeggiata, le ville di Roma regalano emozioni indimenticabili e catturano lo sguardo e il cuore di chi le visita con la loro bellezza senza tempo.

Splendidi giardini, parchi, stanze piene di storia: ci si deve aspettare questo e molto altro quando si decide di visitare queste stupende dimore che impreziosiscono la capitale.

Se si parla di un tour virtuale alla scoperta di queste bellezze, non si può non partire da quella che viene considerata la villa per eccellenza della bella Roma.

Si sta parlando di Villa Borghese, villa di fine ‘500 che si trova in zona Pincio, il polmone verde della città. Sin dalla sua nascita, la villa è appartenuta alla famiglia Borghese, ma nei primi anni del ‘900 venne acquistata dallo Stato che l’ha resa un bene pubblico, aprendola per farne gustare i maestosi interni nonché gli oltre otto ettari di giardino, le fontane, i laghetti e tutto quello che caratterizza questo gioiello.

Un luogo incantevole, che fa da scenario a momenti magici, volendo essere la ciliegina sulla torta per chi ha programmato una visita nella città eterna. Nel parco, inoltre, si trova anche Galleria Borghese, dove si possono visionare alcuni capolavori dei più grandi maestri della storia, dal Bernini a Caravaggio, da Tiziano a Canova e a Raffaello, solo per far qualche nome illustre.

Non finisce qui, perché nel parco c’è anche il Museo Nazionale Etrusco, altro sito di notevole interesse. Villa Medici, la Casina delle Rose e Casa del Cinema completano il quadro, mentre per i più piccoli c’è l’imperdibile bioparco.

Villa Borghese Casino Nobile

Foto CC-BY-SA di Ikiwaner

Altre villa famosissima è Villa Doria Pamphili, che si trova, invece, sul Gianicolo. Il parco di 184 ettari è il più grande di Roma, mentre la villa del ‘600 è un bene che impreziosisce ancora di più la bella Roma, mantenendosi perfettamente integra nel tempo.

La villa venne progettata da un noto scultore, Alessandro Algardi, e dal pittore Giovanni Francesco Grimaldi. Nella villa sorge il Casino del Bel Respiro, che viene utilizzato come sede di rappresentanza dalla presidenza del Consiglio e questo ne fa capire la bellezza e il prestigio. Villa Pamphili è una delle ville più amate dai romani e dai visitatori, perché qui si respira un’aria meravigliosa, fatta di ricordi, di classe e di eleganza.

Villa Doria Pamphili

Foto Pubblico Dominio

Nella stasse zona si trova Villa Sciarra, una delle ville più amate grazie alle sue tante fontane la Fontana belvedere, la Fontana dei Satiri, la Fontana di Diana ed Endimione e la fontana delle Sfingi. Qui si trova anche il Casino Barberini, che ospita l’Istituto Italiano di Studi Germanici. Quest’ultimo è noto per il panorama che si può vedere affacciandosi dalla torretta: un’esperienza imperdibile se si è in zona e si visita la villa.

Fuori dalle mura aureliane, invece, si trova Villa Ada, che si affaccia sulla Via Salaria e che un tempo fu riserva di caccia dei Savoia. Conservatasi nel tempo, questa villa offre la possibilità di rilassarsi in un meraviglioso parco con una vegetazione molto ricca e con la presenza di molta fauna, tra cui scoiattoli e conigli.

Sul colle Celio, invece, sorge Villa Celimontana, anch’essa risalente al ‘500, sebbene nell’800 venne completamente ristrutturata in base ai gusti dell’epoca. La villa è celebre, oltre che per il suo spazio verde, anche per i reperti ritrovati nel suo parco, tra cui un obelisco egiziano di Ramsete II. Nella villa si trova Palazzo Mattei, la cui bellezza è tutta da scoprire.
Queste sono solo le più famose e le più visitate, ma di certo non sono le uniche ville che si trovano nella capitale, sia dentro che fuori le mura. Ecco, quindi, una veloce carrellata di tutte le altre ville romane, suddivise per la zona in cui si trovano.

Partendo dal Quirinale, si trovano i Giardini del Quirinale, Villa Aldobrandini, Villa Colonna con i suoi Giardini di Montecavallo.

Spostandosi al Pincio, invece, si trovano Villa Ludovisi, Villa Malta, oltre alle più famose Villa Medici, Villa Giulia, Villa Borghese.

L’Esquilino ci regala Villa Wolkonsky, mentre al Palatino si trovano gli Orti Farnesiani al Palatino.

All’Aventino, invece, si trova la Villa del Priorato di Malta, mentre sull’Appia Antica s trova la Casina del cardinale Bessarione.

Al Gianicolo, troviamo Villa Abamelek, Villa del Bosco Parrasio, Villa Corsini alla Lungara, Villa Farnesina, Villa Gabrielli, Villa Lante.

Villa Chigi, Villa Glori, Villa De Sanctis, Villa Certosa, Villa Fiorelli sono altre ville che si trovano nella bellissima Roma. Come detto, queste ville sono prese d’assalto da tutti coloro che sono alla ricerca della bellezza, ma anche di un posto verde nel quale respirare aria pulita e rilassarsi. Proprio per questo motivo, queste bellissime ville sono mete gettonatissime e sono entrate a pieno titolo in quello che viene definito come il tesoro di Roma.

Oggi queste ville sono lo scenario perfetto di diversi eventi, quali mostre, concerti, festival e molto altro ancora, nonché sedi di illustri istituti e musei. Quelle che oggi sono ville aperte al pubblico, un tempo erano delle residenze private e in quanto tali sono piene di storia e di ricordi. Alcune di queste ville, completamente ristrutturate e arredate con l’intervento di professiosionisti dell’interior design  sono perfino state adibite ad hotel per accogliere i turisti (clicca qui).

Pensare a un piccolo tour alla scoperta di quelle che son le ville della città eterna, completa un viaggio all’insegna della bellezza e della storia. Si tratta di una meta imprescindibile e, sebbene sia impossibile visitarle tutte dato che sono tantissime, le più famose si devono andare a vedere, anche solo per trovare un momento di pace in una giornata da turisti.

 

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.