In Croazia a visitare i Patrimoni dell’Umanità

croazia

La Croazia vanta una ricca storia e una bellezza naturale sorprendente , i suoi tesori sono ben conservati , grazie a costanti ristrutturazioni ed attente manutenzioni . Anche per questo da  maggio 2013, la Croazia ha ben sette siti elencati sulla lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO , con molti altri siti in attesa di status di Patrimonio Mondiale. Una terra decisamente da visitare. Un bel periodo per farlo è l’autunno, quando la folla estiva è rientrata e quando il clima mite consente escursioni e passeggiate .

Vediamo da vicino quali sono i Siti del Patrimonio Mondiale in Croazia:

La Città Vecchia di Dubrovnik
La “Perla dell’Adriatico”, situata sulla costa dalmata , divenne un’importante potenza del mare Mediterraneo a partire dal 13 ° secolo . Sebbene venne gravemente danneggiata da un terremoto nel 1667 , Dubrovnik è riuscita a conservare i suoi tesori fatti di edifici gotici, rinascimentali, di chiese barocche , monasteri , palazzi e fontane . Nuovamente danneggiata nel 1990 da un conflitto armato , è ora al centro di un importante programma di restauro coordinato dall’UNESCO .

Dubrovnik è stata fondata nella prima metà del 7 ° secolo da un gruppo di profughi di Epidaurum, che hanno stabilito il loro insediamento presso l’isola e la chiamarono Laus . Il nome latino Ragusa ( Rausa ) , in uso fino al 15 ° secolo , ha avuto origine dalla roccia ( lat. Lausa = roccia ) . Opposta a quella posizione , ai piedi del Monte Srđ , gli slavi hanno sviluppato il proprio insediamento con il nome di Dubrovnik , derivato dalla parola croata Dubrava , che significa boschi di querce . Quando il canale che separava i due insediamenti venne riempito nel 12 ° secolo i due luoghi vennero uniti . Al momento della sua istituzione, la città era sotto la protezione dell’impero bizantino , dopo la quarta crociata la città passò sotto la sovranità di Venezia (1205-1358) , e dal trattato di Zara, nel 1358, entrò a far parte dello stato ungherese – croato , quando era effettivamente uno stato libero repubblicano. Una crisi economica nel trasporto del Mediterraneo e , più in particolare, un catastrofico terremoto nell’ aprile 1667 che rase al suolo la maggior parte degli edifici pubblici , hanno distrutto il benessere della Repubblica. Questo potente terremoto è un punto di svolta nello sviluppo della città.

croazia

Dubrovnik è un esempio straordinariamente ben conservato di una città fortificata tardo-medievale. All’interno delle magnifiche fortificazioni si possono ammirare edifici medievali , rinascimentali e barocchi come il Palazzo Comunale (oggi Palazzo del Rettore ) , risalente al 11 ° secolo, il monastero francescano (completato nel 14 ° secolo), con la sua imponente chiesa, il vasto monastero domenicano , il Duomo ( ricostruito dopo il terremoto del 1667 ), la dogana ( Sponza ) , la chiesa barocca di San Biagio ( patrono della città).

Il sito originale del Patrimonio Mondiale comprende il borgo medievale, la Fortezza di Lovrijenac , che si trova su una scogliera , che fu probabilmente iniziata già nel 11 ° secolo , ma deve il suo aspetto attuale al 15 ° e 16 ° secolo, i lazzaretti , costruiti nei primi anni del 17 ° secolo per ospitare i portatori di peste , le talpe Kase che risalgono alla fine del 15 ° secolo , costruite per proteggere il porto contro le burrasche da sud-est , e la Fortezza Revelin, risalente al 1449 , che è stata costruita per sovrastare il fossato della città sul lato nord.

L’isola di Lokrum si trova a sud – est di Dubrovnik, a circa 500 metri dalla costa . Nel 1023 divenne un’abbazia benedettina , la prima di una serie nella Repubblica di Dubrovnik.

E ‘stata continuamente ampliata nei secoli successivi , passando per la Congregazione di S. Giustina di Padova nel tardo 15 ° secolo, quando venne costruito un nuovo monastero in stile gotico-rinascimentale , a sud delle rovine dello stabilimento benedettino. Durante l’occupazione dell’isola dei francesi, nel 19 ° secolo, iniziarono i lavori di costruzione della Fortezza Reale, che è stata completata dagli austriaci nel 1830. Nel 1859 l’arciduca Massimiliano d’Austria (poi imperatore del Messico ) ha acquistato l’isola con l’intenzione di costruire una villa in stile classico sulle rovine dell’abbazia benedettina , ma è stata completata solo una piccola parte di questo lavoro.

croazia

Il borgo Pile era un progetto di sviluppo del 15 ° secolo. E ‘ stato sede  per la concia e la lavorazione della pelle per le prove di cannone e per tutte le attività che , per motivi di igiene e di sicurezza , erano collocate al di fuori delle mura , ma comunque all’interno della protezione della fortezza . Nei primi anni del 15° secolo un’ importante industria di tintoria ha sviluppato nella zona, ed è stata seguita a ruota da  altri settori , come la produzione di vetro, la tessitura etc .

Queste operazioni industriali hanno portato alla costruzione di case operaie che avevano la loro chiesa, la Chiesa di San Giorgio , risalente al 14 ° secolo. Il borgo Pile ha mantenuto il suo carattere originale , a parte alcune modifiche come la strada di collegamento tra Pile e Gruz. La zona conosciuta come Iza Grada ( Dietro la città ) si trova al di fuori della parte settentrionale delle mura.

Sul lato orientale della città vecchia si trova Ploce , che è stata per secoli il centro per il commercio con l’entroterra. L’area proposta per l’estensione del Patrimonio Mondiale si trova a sud della strada principale e comprende i lazzaretti e la Fortezza Revelin.

Le talpe Kase sono state costruite intorno al 1485 su progetto di Paskoje Milicevic, il più famoso ingegnere ragusano del periodo rinascimentale per proteggere il porto contro le burrasche da sud-est , e allo stesso tempo per migliorare gli impianti di controllo delle navi che si avvicinano alla città.

La costruzione dei lazzaretti iniziò nel 1627 e si sono concluse nel 1648 . La loro ubicazione alle porte della città era pratica :serviva per tenere lontani gli appestati.  Il luogo ha conservato il suo aspetto originale.
croazia
La Fortezza Revelin , costruita a comandare il fossato della città sul lato nord , risale al 1449, anche se l’aspetto attuale è quello del 16 ° secolo , quando venne ristrutturata dall’architetto Antonio Ferramolino di Bergamo .

Palazzo di Diocleziano

Le rovine del Palazzo di Diocleziano , costruito tra la fine del terzo e l’inizio del 4 ° secolo dC , si trovano in tutta la città .
Il Palazzo di Diocleziano è uno dei più famosi e integrale edifici architettonici e culturali della costa adriatica croata .

L’imperatore romano Diocleziano trascorse i suoi anni di declino in un enorme palazzo che egli aveva costruito nei pressi della sua città natale , Aspalthos , in Dalmazia . Il palazzo rappresenta l’esempio più importante di architettura romana , sulla costa orientale dell’Adriatico . La sua forma e la disposizione degli edifici all’interno del palazzo rappresentano uno stile di transizione della villa imperiale , città ellenistica e accampamento romano .

Sul lato orientale del palazzo si trova la Porta Argentea (Silver Gate) con la chiesa di San Domenico sita sul lato opposto , ricostruita tra il 1932 e il 1934 . La Porta d’argento dà accesso alla Piana di Re Tomislav e da lì al Peristilio ( peristilio ) , l’area aperta centrale del palazzo. I suoi lati longitudinali sono circondati da un colonnato ad archi , gli archi in occidente sono chiusi da case gotiche e rinascimentali la porta monumentale con quattro colonne portanti chiude il Peristilio.
croazia

Il Mausoleo di Diocleziano ( Cattedrale di oggi di San Doimo dedicata a Santa Maria ) si trova nella parte orientale del peristilio . Il mausoleo ha quasi completamente conservato la sua forma ottagonale , circondato da 24 colonne che sostenevano il tetto , l’interno è rotondo, con due file di colonne corinzie. Il pulpito in pietra del 13 ° secolo rappresenta i monumenti più antichi della cattedrale. Il coro , costruito nel 18 ° secolo , è arredato con posti a sedere romanici del 13 ° secolo ed è ornato da un dipinto raffigurante la Madre di Dio con santi e donatori.

Un piccolo tempio di fronte al mausoleo, probabilmente dedicato a Giove , divenne il battistero nel primo Medioevo . Solo la parte chiusa del tempio ( cella ) con un portale riccamente decorato è stato conservato, l’interno è coperto da una volta a botte a cassettoni.

Diocleziano Street va dal Peristilio a nord presso la Porta Aurea ( Golden Gate ); Agubio Palace, con un portale gotico e il cortile interno, si trova a sinistra . A destra , in Papaliceva Street, sorge il Palazzo Papalic ( 15 ° secolo ) , il più importante esempio di architettura gotica a Spalato .

La strada Kresimir conduce dal Peristilio alla Porta Ferrea ( Iron Gate ), nella parte occidentale ;  Palazzo Cindro ( 17 ° secolo ) , il più bel palazzo barocco a Spalato , si trova sulla destra. Al di là della Porta di Ferro c’è la piazza Narodni, centro del comune medievale e la piazza più animata della città moderna . Delle case gotiche che chiudevabi l’estremità settentrionale della piazza, è sopravvissuto solo il municipio ( 1443) con una loggia al piano terra .

Nel Medioevo la città fu costruita all’interno del palazzo. La prosperità commerciale del 13 ° e il 14 ° secolo fece modo e maniera che la città si diffuse al di fuori del palazzo , e sorse un nuovo centro di sviluppo lungo le pareti occidentali del palazzo, che fu fortificato nel 14 ° secolo.

croazia

.Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice

Le acque che scorrono sulla pietra calcarea e di gesso hanno depositato barriere di travertino nel corso degli anni, creando dighe naturali che a loro volta hanno creato una serie di bellissimi laghi, grotte e cascate . Questi processi geologici continuano ancora oggi . Le foreste del parco sono la patria di orsi , lupi e molte specie rare di uccelli .

Ci sono 16 laghi interconnessi tra Mala Kapela Montagna e Pljesevica Mountain. Il sistema dei laghi è suddiviso nei laghi  superiori ed inferiori: i laghi superiori si trovano in una valle dolomitica e sono circondati da fitti boschi e collegati fra loro da numerose cascate , i laghi inferiori, più piccoli e meno profondi, si trovano sulla roccia calcarea e sono circondati solo da sottobosco. I laghi superiori sono separati da barriere dolomitiche , che crescono con la formazione di travertino , formando in tal modo le barriere di travertino.

La foresta comprende faggi alle quote più basse e boschi misti di faggio e abete a livelli più alti. La zona è ricca di fauna , tra cui l’orso bruno , il lupo, il gufo reale e il gallo cedrone . Ci sono registrazioni di 126 specie di uccelli , di cui 70 di razza .

La zona è stata la culla della preistorica tribù illirica dei Japuds risalenti al 1000 aC . La cultura Japudic è stato seguita dai Romani e dal 8 ° secolo dC, è stata presa dagli slavi . I resti archeologici includono un insediamento preistorico sul sito dell’attuale villaggio di Plitvice , fortificazioni , utensili dell’età del bronzo e ceramica.

Porec, Croazia

Complesso episcopale della Basilica Eufrasiana , Porec è una delle più imponenti chiese della Croazia . Prende il nome dal santo Euphrasia , la Basilica Eufrasiana è un esempio vivente della prima arte bizantina nella regione. Il complesso comprende una basilica del 6 ° secolo , una sacrestia , un battistero , campanili e un palazzo arcivescovile . Mentre l’intero complesso è impressionante , la caratteristica più evidente della Basilica è l’abside scintillante , decorata con mosaici bizantini figurali , l’opera d’arte intricata è elaborata ed affascinante.

Il nucleo storico di Trogir

Trogir è una città – museo sita sulla costa dalmata della Croazia . Situato tra l’isola di Ciovo e la terraferma , l’isolotto è stato colonizzato nel 3 ° secolo dai Greci . Il nucleo medievale di Trogir è uno dei complessi romanico – gotici meglio conservati dell’ Europa centrale . All’interno, lungo strette viuzze lastricate in pietra, si trovano opere d’arte , palazzi sontuosi e chiese ornate e anche il momento clou , che è la Cattedrale di San Lorenzo.

Cattedrale di San Giacomo , Sibenik
La Cattedrale di San Giacomo è situata nella città dalmata di Sebenico . Costruita con marmo e pietra calcarea tra il 1431 e il 1535 , la Cattedrale racchiude gli stili architettonici veneziani , gotici e rinascimentali . Nonostante la cattedrale di San Giacomo abbia subito gravi danni durante la seconda guerra mondiale e durante il conflitto dei Balcani , oggi è stata riportata al suo originario splendore.

Stari Grad Plain , Hvar

La Stari Grad Plain è l’ultima voce  aggiunta nella Lista del Patrimonio UNESCO della Croazia . Questo luogo esclusivo situato sull’isola di Hvar è la pianura più fertile sull’Adriatico. Il paesaggio conserva ancora le antiche mura in pietra e, insieme al contesto architettonico ed al  nucleo storico della città è la copertura del patrimonio mondiale dell’umanità.

2 commenti su “In Croazia a visitare i Patrimoni dell’Umanità

Lascia un commento

Name and email are required. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.