Cosa vedere in Sardegna

Se volete trascorrere una vacanza indimenticabile, scegliete la Sardegna. Questa isola ricca di cultura, ma soprattutto di sole e mare, attira ogni anno migliaia di turisti che vogliono ammirare paesaggi da favola e che la raggiungono facilemente in traghetto (per info su tratte: www.traghettisardegna.net). La Sardegna ha molto da offrire ai turisti, sia dal punto di vista storico che dal punto di vista balneare, proponendo una vasta scelta di spiagge tutte diverse. Vediamo cosa vedere in Sardegna.

San Pantaleo
Ricco di carattere, questo incantevole paesino si apre intorno a una piazza con vivaci negozi di artigianato e caffè. Con le sue case in pietra, la posizione straordinaria e l’atmosfera rilassante che ha ispirato molti artisti, è una delle località più amate della Sardegna.
In estate, il paese organizza numerose feste e un mercato che è l’ideale per coloro che vogliono vivere la cultura e la cucina sarda. San Pantaleo è un punto ottimo per muoversi verso le numerose spiagge della Costa Smeralda e della baia di Arzachena.

Arzachena e Cannigione
Arzachena offre diversi tesori nascosti tra nuraghi misteriosi, rovine e tombe dei giganti, uniche nel loro genere in Sardegna. Oppure, potete esplorare le calette e le spiagge a nord, partendo dalla località di Cannigione, ottima per gli sport acquatici, e proseguendo oltre Palau sulle lunghe insenature della costa Arzachena. Tutte le località sono facilmente raggiungibili. La Sardegna ha origini molto antiche e i nuraghi ne sono la testimonianza. Infatti, questi edifici preistorici sono stati costruiti da popolazioni antichissime per ricoprire il ruolo di casa-fortezza. Il fascino di queste costruzioni sparse in tutta l’isola è indescrivibile.

Porto Cervo
Situato nel cuore della stazione e fiancheggiato da caffè, bar e ristoranti, la sua “Piazzetta” è il luogo ideale per mettersi in mostra. Una passeggiata serale lungo il molo è un must, con le boutique di design da un lato e gli yacht di lusso che costeggiano il porto dall’altro.
Le boutique eleganti che vendono prodotti di marca come Gucci, Versace, Prada e Hogan costellano le strade di Porto Cervo. In estate, a Porto Cervo si svolge una serie di eventi sportivi, tra cui regate e tornei di golf. Diciamo che non è proprio quella che si potrebbe definire una vacanza alla portata di tutti: infatti, vista la massiccia presenza dei VIP in Costa Smeralda, i prezzi sono piuttosto elevati.

Porto_Cervo1

Foto CC-BY-SA 4.0 di Alistair Wettin

Palau e Porto Pollo
Altre due località da non perdere in Sardegna sono le città di Palau e Porto Pollo, nella parte nord-est della Sardegna, meno conosciute ma ricche di luoghi interessanti e di un’atmosfera unica.
Palau è una piccola città molto vivace ed è principalmente una località balneare con una propria selezione di negozi, bar e ristoranti. A 3 km dalla città è possibile visitare la Fortezza di Monte Altura, un bastione del XIX secolo su un pendio roccioso sopra la città. Da Palau si può anche fare una gita in barca verso le isole vicine. I traghetti partono dal porto per attraversare le isole stupende de La Maddalena, dove l’eroe italiano Garibaldi trascorse un terzo della sua vita.
Porto Pollo si trova a 7 km da Palau ed è diventato un punto di riferimento per gli appassionati di sport acquatici. Considerato il migliore dell’isola, le condizioni locali sono eccellenti per il windsurf, per il kite surf, per le immersioni e per la vela.

Sport e attività in Sardegna
L’Isola dei Gabbiani è particolarmente famosa per le sue condizioni favorevoli per il windsurf ed attrae molti appassionati ogni anno.
Un altro luogo ideale per gli sport acquatici è Cannigione, dove troverete un centro per sport acquatici. Al porto, è possibile prendere dei gommoni o delle barche a motore per fare una gita di un giorno alle isole della Maddalena.

La spiaggia di Cala di Volpe sulla strada per Capriccioli affitta gommoni, pedalò e windsurf, oltre ad offrire alcuni centri per le immersioni.
Inoltre, è possibile organizzare escursioni in campagna e passeggiate lungo la spiaggia. Il momento migliore della giornata per farle è la mattina presto e al tramonto per evitare le ore più calde.